Atollo di Baa

Categoria Mare Categoria Storia Categoria Natura

Nel capoluogo Eydhafushi sono importanti lavorazioni dei feylis in cotone, mentre Thulhaadhoo è una della capitali maldiviane per la produzione di oggetti in lacca. Goidhoo è invece un’isola abbastanza isolata e proprio per questo la sua storia vanta numerosi naufragi: il più famoso è quello del 1602 nel quale rimase vittima l’esploratore francese François Pyrard con la sua imbarcazione Corbin. A Naifaru si lavora il corallo per preparare oggetti di artigianato da vendere ai turisti. La costa occidentale dell’atollo, verso il mare aperto, è una delle zone più pescose di tutte le Maldive. Kandholhudhoo, una piccola isoletta leggermente al largo dell’atollo, vanta una delle densità abitative più alte del Paese. Secondo la leggenda, l’isola di Rasgetheemu, oggi completamente disabitata, sarebbe stato il punto sul quale sbarcò il mitico personaggio di Koimala Kaloa che sarebbe giunto qui dallo Sri Lanka per fondare la propria dinastia sull’arcipelago.

VISITA LE ATTRAZIONI PIÙ VICINE